giovedì 22 novembre 2012

Vogliono imbavagliare la rete, google si ribella

L’ITU (un organo internazionale che gestisce le infrastrutture di base che fanno funzionare Internet) si riunirà in una ‘Conferenza Mondiale’ a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, dal 3 al 14 dicembre 2012, a cui però parteciperanno solo i rappresentanti dei governi.
Alcuni governi hanno intenzione di sfruttare l'opportunità dell' incontro a porte chiuse per autorizzare la censura e regolamentare il Web in modo restrittivo.

 Per avere un mondo libero e aperto è oggi necessaria una Rete libera e aperta. “Internet offre innumerevoli opportunità: tutti possono utilizzarla per comunicare,
 Ma il cambiamento è in meglio o in peggio? Secondo Google è la stessa struttura dell’ITU che rende rischioso un eventuale cambiamento nelle regolamentazioni che fanno ‘funzionare’ fisicamente i rami della rete. Infatti, solo i governi hanno diritto di voto all’ITU. E tra questi governi,  fa notare Google, ci sono anche quelli che non sono a favore di una rete Internet libera e aperta.
 Google ha iniziato una Takeaction per difendere la libertà della rete, un prezioso strumento per testimoniare i soprusi e difendere i diritti dei cittadini del mondo.

 E’ possibile firmare qui per partecipare alla raccolta di firme per Internet libero.


1 commento:

  1. Firmate la petizione online per far restare la rete libera

    RispondiElimina